Come produrre la birra in casa: ecco come iniziare

Esistono diverse tecniche necessarie a produrre la birra in casa adatte alle differenti esigenze sia di tempo che di spazio. Ma cos’è di preciso la birra? La birra è una bevanda alcolica derivante dalla fermentazione di alcuni cereali, come l’orzo, il riso, il frumento, l’avena e tantissimi altri. Grazie all’infusione in acqua dei cereali maltati, si ottiene un liquido che verrà filtrato e fatto bollire insieme al luppolo, necessario per donare un sapore in più a questa particolare bevanda. La fase finale è quella della fermentazione che dura dai 7 ai 20 giorni. Ma vediamo insieme come produrre birra in casa.

 

Le differenti tecniche di produzione della birra

La birra è una delle bevande più diffuse in tutto il mondo; sono tantissime infatti i birrifici che producono questa speciale bevanda diventata di gran moda tra i giovani. Oggi, in Italia, è possibile acquistare birra proveniente da un altra nazione oppure una birra prodotta dalle più grandi aziende o una birra artigianale prodotta da piccoli e caratteristici birrifici nazionali grazie ai siti dedicati alla vendita birra online. Produrre birra in casa è legale dal 1995 purché il prodotto sia destinato all’autoconsumo e non alla vendita.

 

Esistono tre differenti tecniche per produrre birra in casa: kit, E+G e All Grain.

 

  • Fare la birra con il Kit: questa è una delle tecniche di produzione di birra in casa più semplice ideale per tutti coloro che vogliono provare a produrre birra. La tecnica in questione non prevede grandi spazi da utilizzare, anzi, si tratta semplicemente di acquistare un kit formato da alcuni barattoli di estratto di malto concentrato e pronto all’utilizzo: basterà allungare il tutto con dell’acqua, farlo bollire per alcuni minuti e lasciare fermentare.
  • La tecnica E+G: questa tecnica racchiude in se un misto tra la tecnica kit e quella All Grain, letteralmente sta a significare Estratto + Grani, tale tecnica consiste nel realizzare un mosto con estratto di malto dove verranno aggiunti dei malti particolari che presentano alcune caratteristiche che modificheranno il prodotto finale come ad esempio il colore più scuro, un sapore biscottato ecc. La tecnica è abbastanza semplice, basta equipaggiarsi del kit acquistabile anche online e di un mini mulino necessario a macinare i malti speciali.
  • All Grain: è considerata la tecnica più complicata che richiede un investimento maggiore e anche uno spazio molto più ampio. Questa tecnica si serve direttamente di malto, acqua, lievito e luppolo e consiste in una piccola riproduzione di un processo industriale.

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *