Guida al Chip Tuning

Il chip tuning consta nella modifica del software di controllo del motore che è posto  nell’ unità centrale di controllo dello stesso (ECU). La modifica del contenuto del programma che è collocato all’interno del “chip” è nota come  “chip tuning”.

Ma che cosa è un chip? Secondo la terminologia  dell’elettronica un “chip”, è un circuito integrato; e la memoria di solito è collocata  in un circuito integrato al chip chiamato Eprom o Flash. Nelle ultime generazioni di ecu la memoria è anche posta nel microcontrollore. Generalmente, il metodo di lettura/scrittura della memoria non è però molto importante per il risultato finale.

La fase più importante è lo sviluppo del programma e  le sue modifiche versatili.

I risultati del chip tuning si possono suddividere in due categorie ben distinte:

  • chip tuning per auto con motore turbo o altro tipo di induzione forzata,
    chip tuning per auto con motore aspirato, ovvero senza alcuna induzione forzata.
    Solitamente un motore aspirato (N/A) si potrebbe mettere a punto per ca. 8% della propria potenza e per circa 8-10% della coppia.

In un motore aspirato generalmente si effettuano una serie di modifiche  ad alcuni parametri fondamentali:

  • Pressione del carburante,
  •  tempo di iniezione,
  • angolo di anticipo di accensione
  • mappa calibrazione della sonda lambda.

In alcuni motori, la modifica di questi parametri può portare ad un beneficio netto e significativo, mentre la modifica di altri parametri non è sempre possibile per tutte le tipologie di ecu.

Secondo il desiderio dell’utente è ragionevole poter combinare le modifiche meccaniche ed elettroniche. Se le modifiche sono ben abbinate il guadagno di potenza può addirittura superare il 15% della potenza e coppia. Il Consumo di carburante tuttavia non cambia o potrebbe anche  diminuire (ovvero il  risultato sarebbe che una parte della potenza deriva proprio dall’incremento dell’anticipo di accensione, quindi non è più richiesto carburante).

Per le vetture che sono  equipaggiate con un turbocompressore (sia benzina che diesel) l’incremento in potenza può andare  dal 15% al 25%.
In questo caso, oltre a tutti  parametri di cui sopra elencati , si deve intervenire su :

  • Pressione della turbina,
  • duty cycle
  • valvola overboost

Il consumo di carburante diminuisce di ca. 5% per i turbodiesel e aumenta di ca. 10% per i motori a benzina turbo.

Ulteriori informazioni si possono consultare qui: Cos’è il chip tuning?

 

Author: Webmaster

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *